Giacenza media annua: cosa significa e a cosa serve?

Si fa riferimento alla giacenza media annua sia quando bisogna stabilire se si deve versare l’imposta di bollo sia quando ci si ritrova a dover compilare la Dichiarazione sostitutiva unica. Ecco cosa indica nello specifico la giacenza media e come si calcola.

Cos’è la giacenza media annua

Come indicato anche dal nome, la giacenza media indica il valore medio dei depositi presenti sul conto corrente (o sul conto deposito) nel corso dell’anno.

Nel calcolo della giacenza media si deve tener conto di tutti i saldi giornalieri per valuta. Bisogna quindi sommare i saldi e dividere la cifra ottenuta per 365. Per semplificare il calcolo, si può fare riferimento ai numeri creditori indicati nell’estratto conto periodico inviato dalla banca o scaricabile dall’area riservata del sito internet dell’istituto di credito. Nel caso in cui il saldo di uno o più giorni sia negativo, viene considerato pari a zero.

La giacenza media annua è uno dei dati che le banche devono fornire obbligatoriamente ai correntisti, insieme al saldo di inizio e di fine periodo e ai movimenti avvenuti sul conto.

A cosa serve conoscere la giacenza media annua

La giacenza media annua entra in gioco in due momenti:

  • per stabilire se si deve pagare l’imposta di bollo sul conto;
  • per elaborare l’ISEE.

I conti correnti e i conti deposito devono pagare un’imposta di bollo annuale di 34,20 euro. Nel caso dei conti correnti l’imposta è dovuta solo se la giacenza media annua è superiore a 5.000 euro. Sui conti deposito invece si paga un’imposta di bollo del 2 per mille della giacenza media.

L’ISEE invece è un documento che fa parte della cosiddetta Dichiarazione sostitutiva unica e che serve per accedere a una serie di prestazioni sociali, come le borse di studio o sussidi economici.

Conoscere la giacenza media non è importante solo per il correntista, ma anche per il Fisco. Questo valore rappresenta infatti un’indicazione sintetica delle somme versate sul conto nel corso dell’anno. Queste informazioni possono essere utili all’Agenzia delle Entrate per individuare delle possibili situazioni a rischio evasione.

Lascia un commento

© carteprepagate.me - - Disclaimer  Privacy Policy Cookie Policy  info[@]carteprepagate.me
Questo sito non è legato in alcun modo alle società di prodotti e servizi menzionati. Per questo motivo, per qualsiasi domanda, dubbi, problemi e informazioni vi invitiamo a rivolgervi alle rispettive società di riferimento.