Fallimento delle banche: cosa succede ai conti?

Cosa succede ai conti correnti in caso di fallimento delle banche? In generale, i clienti delle banche sono tutelati in caso di crisi dell’istituto di credito, ma molto dipende da come viene gestita la crisi e dal tipo di prodotto sottoscritto dal cliente.

Cosa succede in caso di fallimento delle banche

Quando una banca entra in crisi, semplificando, ci si può trovare di fronte a tre scenari:

  • la banca viene salvata ricorrendo a un’acquisizione da parte di una banca sana o si procede a una fusione tra i due istituti di credito;
  • si ricorre al bail-in;
  • si arriva al fallimento vero e proprio.

Dato il ruolo delicato svolto dalle banche, è importante evitare il più possibile il fallimento, per non scatenare un pericoloso effetto domino che coinvolge altre banche e imprese.

Il bail-in è una soluzione per il salvataggio delle banche in crisi che prevede il coinvolgimento dei soci, degli azionisti e degli obbligazionisti per il ripianamento dei debiti della banca. I correntisti vengono coinvolti solo marginalmente, se le risorse recuperate dalle altre categorie di soggetti non sono sufficienti. Non tutti i correntisti verrebbero chiamati a ripagare i debiti della banca, ma solo quelli che hanno depositi superiori a 100.000 euro. Per i correntisti la procedura del bail-in prevede inoltre una soglia massima dei prelievi forzosi pari all’8% del totale.

Nel caso in cui la banca in crisi venga salvata, invece, non ci sono conseguenze per i clienti, che diventano in automatico clienti della banca che ha rilevato l’istituto in crisi.

Le tutele per i correntisti

I correntisti possono contare sulla garanzia del Fondo interbancario di tutela dei depositi. Il fondo interviene in caso di fallimento di un istituto di credito e garantisce la restituzione della liquidità.

Il fondo copre i conti fino alla soglia di 100.000 euro. In caso di conto cointestato, la garanzia arriva fino a 200.000 euro. La copertura tiene conto dei depositi che si hanno presso un singolo istituto di credito: se una persona ha due conti da 100.000 euro ciascuno in due banche diverse, in entrambi i casi otterrebbe il rimborso per intero in caso di crisi di liquidità degli istituti di credito. La raccomandazione, quindi, è di aprire un conto presso un’altra banca quando si supera il tetto dei 100.000 euro.

I prodotti finanziari coperti dal fondo interbancario sono:

  • i conti correnti;
  • i conti di deposito;
  • i buoni fruttiferi;
  • i libretti di risparmio nominativi;
  • gli assegni circolari.

Rientrano nell’ambito della copertura del fondo anche le carte prepagate con IBAN, considerate equiparate a un conto corrente. Non sono invece tutelati i versamenti fatti sulle carte prepagate ricaricabili senza IBAN.

Potrebbe anche interessarti:
Credit Boost Hype: che cos’è, come funziona, quanto costa

Credit boost Hype è una delle molte funzioni e servizi a cui possono accedere i clienti che hanno scelto la carta prepagata Leggi tutto

Come disattivare Hype

Hype è un conto digitale creato da Banca Sella durante il 2015 che include una carta prepagata e conta oltre un milione Leggi tutto

Come disattivare la carta Viabuy

Hai attivato una carta Viabuy ma ora non ti serve più e vuoi disattivarla? Non è un'operazione difficile ma deve Leggi tutto

Come ricaricare Viabuy

Se stai pensando di attivare una carta prepagata Viabuy, probabilmente ti starai chiedendo come fare per ricaricarla. Ecco, allora, una Leggi tutto

Fare bonifico con N26: come si effettua, tipologie, costi, tempistiche e limiti

Il conto N26 è uno degli strumenti più utilizzati ed apprezzati dagli utenti per avere facilmente la propria banca letteralmente Leggi tutto

Lascia un commento

© carteprepagate.me - - Disclaimer - Termini e Condizioni  Privacy Policy Cookie Policy  info[@]carteprepagate.me
Questo sito non è legato in alcun modo alle società di prodotti e servizi menzionati. Per questo motivo, per qualsiasi domanda, dubbi, problemi e informazioni vi invitiamo a rivolgervi alle rispettive società di riferimento.