logo coinbase

Coinbase

carta coinbase

Commissioni di prelievo

gratuiti fino ai 200 euro,  1% per prelievi nazionali, 2% per prelievi internazionali

Coinbase, il conto online per portafoglio di criptovalute

Nel 2013 Coinbase è stata la startup più finanziata rispetto ai Bitcoin e considerata il maggior portafoglio di criptomonete del mondo. L’impresa madre della Carta Coinbase è posizionata sul mercato dal 2012, con sede a San Francisco, California. Funziona in 190 nazioni e ha già registrato più di 30 milioni di clienti con un numero davvero considerevole di transazioni sui mercati di moneta digitale.

Al contrario di altre piattaforme, Coinbase permette ai suoi clienti di compiere negoziazioni in crypto ad un prezzo definito, che è basato sul valore attuale del mercato, cosicché gli utenti stessi possano comprare le loro monete digitali più rapidamente di altre piattaforme. Vediamo ora nel dettaglio che cos’è e come funziona Coinbase.

Recensione di Coinbase.com

Il grande vantaggio che ha Coinbase rispetto alle altre piattaforme è quello di essere una delle poche piattaforme che scambia UD Dollars e Euros direttamente in criptovaluta (e vice-versa).

Accetta pagamenti con carte di credito, debito e trasferenze bancarie. Il protocollo è molto semplice, e anche gli ultimi arrivati nel mondo crypto, possono con facilità comprare e vendere senza essere dei guru della finanza digitale.

Coinbase è dotata inoltre di una cassaforte, in caso il cliente volesse custodire le criptomonete. È un sistema abbastanza sicuro, con lo svantaggio però che Coinbase controlla la chiave privata.

In generale è una delle migliori carte, per introdurre al mondo delle criptovalute, permettendo all’utilizzatore di tuffarsi con facilità nel trading. L’esperienza utente è fenomenale, con una app bella, veloce e intuitiva, anche nel caso in cui si voglia bloccare la carta ed accedere al report delle spese mensili.

Caratteristiche del conto

  • Nome: Coinbase
  • Tipo di conto: conto online
  • Banca emittente: Coinbase.com
  • Circuito della carta: Visa
  • Canone mensile: nessuno
  • Costo di emissione: 4,95 euro
  • Limite di prelievo: 500 euro al giorno
  • Limite di spesa: non specificato
  • La nostra valutazione: 4,5

Nella Coinbase card sono presenti 10 criptomonete, le principali: Bitcoin, Ethereum, XRP, Bitcoin Cash, Litecoin, EOS, Stellar Lumens, Tezos, Ethereum Classic e Zcash. Da un po’ è stato anche introdotto Stablecoin algoritmico, che sta prendendo piede, grazie a un ecosistema in forte crescita.

Dopo avere fatto la tua richiesta, la Carta arriverà in non più di 20 giorni. È tutta blu e reca davanti nome e cognome. Dietro trovi le 16 cifre che ti rappresentano e i codici Cp2 per poterla usare per le commissioni online.

In un cartoncino troverai il modo per ottenere il codice di attivazione.

Apri l’App:

1) Attiva carta

2) Inserire codice a 6 cifre

Per ottenere il PIN:

1) Accedere all’App

2) Richiesta PIN

3) Voce registrata declama il PIN, 4 numeri in inglese.

Il funzionamento della carta è facile: si scarica l’app Coinbase, si fa l’autenticazione a 2 fattori, quindi la verifica all’interno di Coinbase. Dopodiché si scarica un’altra app, chiamata Coinbase Card. A questo punto il bilancio della carta coincide con uno dei bilanci cripto che abbiamo nel nostro account Coinbase. Sceglierai tu quale criptomoneta spendere per i tuoi acquisti.

Nel momento del pagamento ti verrà sottratto l’ammontare di cripto, nel bilancio della valuta che avrai scelto, più ovviamente la fee.

Vale la pena ricordare che usando la Coinbase Card per le spese diarie, tu continuerai a ‘’Holdare’’ il tuo gruzzolo nelle varie criptovalute, e continuerai a mantenerlo fino alla prossima spesa.

Sostanzialmente funziona come una carta di debito, perché bisogna avere i soldi previamente caricati, tipo una carta prepagata. Viene accettata dal circuito VISA, ed è possibile pagare in criptovalute. L’esercente riceve in euro, ma a te vengono prelevate le cripto monete, per pagare la spesa anche negli esercizi di circuiti tradizionali.

Quanto costa

La carta non ha nessun costo annuale, ha solo un costo di emissione, che viene pagato la prima volta, pari a 4,95 Euro.

Questo importo viene addebitato in criptovaluta e non in euro, per questo è necessario avere un conto Coinbase, scaricando l’app per IOS e Android. Per i primi 100 dollari spesi in criptovalute, ti verrà elargito un bonus di 10 dollari.

Per prelievi ATM e bancomat nazionali non ci sarà nessun costo fino alla soglia di 200 euro al mese. Oltre questo importo il costo dell’operazione sarà dell´1%, potendo prelevare fino a 500 Euro al giorno. Per i prelievi internazionali, saranno ugualmente gratuiti fino ai 200 euro. Oltre questa soglia il costo internazionale sarà del 2%

In caso di furto o smarrimento, gli oneri per la sostituzione della Coinbase Card sono sempre quantificabili in 4,95 Euro.

Per quanto riguarda le commissioni:

  • commissione sugli acquisti negli esercizi tradizionali o online pari al 2,49%
  • commissioni di cambio criptovaluta pari al 2,49%.
  • commissioni di liquidazione criptovalute pari al 2, 49%

Come funzionano i trasferimenti

Sulla dashboard dell’app Coinbase Card, intuitiva e user friendly, è possibile trasferire criptovalute verso altri portafogli a disposizione.

Nell’icona “Conti” sono visibili i vari wallets a disposizione. Usando l’indicazione “Invia”, avrà luogo con semplicità e pulizia, il trasferimento di una determinata criptovaluta, verso un portafoglio preventivamente scelto.

Per trasferire i fondi dalla piattaforma Coinbase, la commissione applicata è del 2,49%. Commissioni e costi per transazioni nel paese di residenza restano gratuiti. Per transazioni europee la commissione applicata è dello 0,2%. Per transazioni internazionali la commissione sale al 3%.

Sistemi di sicurezza

Come utente di Coinbase Card non devi pensare a custodire i seeds o a tenere al sicuro le chiavi private. Pensa a tutto Coinbase, assicurando che il 98% dei fondi vengono custoditi offline, e che il restante 2% di fondi online, potenzialmente più vulnerabili, sono coperti da assicurazione.

Anche l’autenticazione per l’accesso ai propri dati è garantita da una protezione di sicurezza a 2 fattori.

Pro e contro

PRO

Sono molti gli aspetti positivi di Coinbase:

  • ottimale come portafoglio di breve periodo, perché se nei vari wallets hai delle criptomonete che sono salite di valutazione, potrai fare le tue spese quotidiane e addebitarle proprio sul cripto dove hai guadagnato, senza intaccare il tuo patrimonio cripto che nel medio periodo continuerà ad acquisire valore;
  • offre la possibilità di trasferire su PayPal, e impostare acquisti ricorrenti simili ad un piano di accumulo;
CONTRO

Tra gli aspetti meno convenienti di Coinbase vanno invece considerati:

  • commissione di conversione diretta elevata;
Potrebbe anche interessarti:
Trastra: la carta cripto con IBAN

Recensione aggiornata a Aprile, 2021 Le criptovalute negli ultimi tempi hanno dato una svolta al sistema finanziario, portando dei meccanismi nuovi Leggi tutto

2gether: la carta crypto senza commissioni

Recensione aggiornata a Aprile, 2021 L'evoluzione delle criptovalute ha fatto sì che nascesse un nuovo modo di interpretare e gestire l'economia. Leggi tutto

Nexo: recensione della carta crypto

Recensione aggiornata a Aprile, 2021 Le criptovalute negli ultimi tempi si sono ritagliate uno spazio sempre più importante nel mondo dell'economia. Leggi tutto

Binance: la carta prepagata per criptovalute

Se sei un appassionato di criptovalute e sei alla ricerca di una carta che possa fare al caso tuo, puoi Leggi tutto

Crypto.com: la piattaforma ideale per gestire criptovalute

Nata per accelerare la transizione verso le criptovalute, Crypto.com è oggi una piattaforma di riferimento per chi vuole fare trading Leggi tutto

Lascia un commento

© carteprepagate.me - - Disclaimer - Termini e Condizioni  Privacy Policy Cookie Policy  info[@]carteprepagate.me
Questo sito non è legato in alcun modo alle società di prodotti e servizi menzionati. Per questo motivo, per qualsiasi domanda, dubbi, problemi e informazioni vi invitiamo a rivolgervi alle rispettive società di riferimento.