Come chiudere il conto N26

Hai aperto un conto N26 ma, per qualche motivo, non sei soddisfatto oppure semplicemente non lo usi più e vuoi chiuderlo? Per fortuna, chiudere il conto N26 è un processo piuttosto semplice, che andremo a scoprire nel dettaglio in questo articolo.

Chiudere il conto N26: come fare

Per chiudere il conto N26 si hanno a disposizione due alternative.

La prima è quella di chiedere la chiusura del conto tramite una comunicazione ufficiale al servizio di supporto della società che gestisce l’app e che fornisce la carta legata al conto. Per farlo sarà sufficiente inviare una e-mail dall’indirizzo utilizzato in fase di registrazione per l’apertura del conto n26. Il testo della comunicazione deve contenere una esplicita dichiarazione in cui viene chiesta la chiusura del conto. Si può scegliere se far avvenire questo in una data precisa oppure richiedere che il processo venga ultimato al più presto. Ovviamente, nell’e-mail vanno anche inseriti tutti i dati personali e quelli usati per il conto. Oltre a questo deve anche essere allegato l’IBAN dove trasferire l’eventuale saldo rimasto sul conto.

In alternativa all’e-mail è possibile inviare la medesima comunicazione con richiesta di chiusura del conto tramite il modulo messo a disposizione dalla società che gestisce l’app (che puoi trovare qui). Tutto dovrà poi essere inviato attraverso una raccomandata con ricevuta di ritorna.

La carta legata al conto n26

Una volta capito come chiudere il conto N26, è opportuno tenere conto di altri piccoli accorgimenti.

Per chi dispone di un saldo in positivo sulla carta si consiglia di trasferire su un altro “portafoglio” (che si tratti di una prepagata o un conto corrente è indifferente) l’intero importo senza aspettare che provveda a farlo N26. L’operazione, infatti, potrebbe essere piuttosto lunga in termini di tempo e si rischia di ritrovarsi con somme bloccate finché non verrà ultimato il processo relativo alla chiusura del conto.

Se, invece, il saldo è negativo per poter avviare la procedura di chiusura è necessario ricaricare la carta. Si potrà fare l’operazione presso i circuiti autorizzati, con un bonifico da altro conto corrente o con un’altra carta n26.

Terminata la procedura di chiusura del conto, l’utente riceverà una comunicazione ufficiale da N26 dove saranno presenti eventuali somme dovute ed altri oneri. A questo punto va distrutta la carta.

Tempi e costi per la chiusura del conto n26

In generale per chiudere un conto N26 servono circa 30-35 giorni lavorativi a partire dal giorno in cui viene inviata la richiesta. Tuttavia, talvolta i tempi potrebbero allungarsi qualora dovessero essere previste altre operazioni da compiere sul saldo o su eventuali posizioni aperte dell’utente, oltre ovviamente ad oneri e pagamenti in sospeso.

Per quanto riguarda i costi, N26 afferma che i clienti possono chiudere il conto in ogni momento senza spese, quindi la chiusura del conto N26 è gratuita qualora non siano presenti pendenze da estinguere. Nonostante N26 sia un conto senza costi, è comunque possibile ritrovarsi con un saldo negativo perché magari ad esempio è stato erogato un bonifico con importo maggiore rispetto a quello presente nel saldo. In tal caso, prima di chiudere, come già detto, andrà ricaricato il conto per riportare il saldo in positivo per poi procedere alla chiusura.

Come fare con i conti N26 premium

Sottoscrivendo le carte “N26 You” o “N26 Metal” si avrà un conto premium. In questo caso potrebbe esserci la volontà di tornare semplicemente al piano base, senza però chiudere definitivamente il conto. Tenendo presente che il contratto premium ha una durata minima di un anno con un canone mensile e che, se non annullato, viene rinnovato automaticamente alla scadenza, il cliente può decidere di cancellare l’iscrizione al piano in ogni momento fino ad un mese prima della scadenza del contratto e/o del rinnovo annuale.

Qualora si decidesse di cancellare il contratto si può contattare la banca per richiedere, entro il mese seguente, il ritorno al piano tariffario base. Con questa opzione, il cliente dovrà comunque versare gli importi di commissione mensili mancanti fino alla scadenza prevista dal contratto.

Annullando il rinnovo automatico, invece, basterà selezionare le opzioni relative all’annullamento del singolo piano (“You” o “Metal”) scegliendo di togliere il rinnovo automatico del piano una volta che sarà arrivata la data di scadenza.

In questo caso, poiché non si chiede la chiusura del contratto, sarà possibile continuare ad avere un conto n26 “premium” sino alla scadenza annuale prevista (continuando a pagare il relativo importo mensile) per poi tornare alla versione “base” del conto. Prima della scadenza del piano, n26 invierà la nuova carta associata senza necessità di ulteriori sollecitazioni da parte dell’utente.

Potrebbe anche interessarti:
Fare bonifico con N26: come si effettua, tipologie, costi, tempistiche e limiti

Il conto N26 è uno degli strumenti più utilizzati ed apprezzati dagli utenti per avere facilmente la propria banca letteralmente Leggi tutto

Come ricaricare N26

N26 è l'innovativa banca tedesca fondata nel 2015: come si possono ricaricare il conto e la carta ad esso collegato Leggi tutto

Come collegare e ricaricare N26 con Paypal: guida pratica

Il conto e relativa carta prepagata N26 hanno delle peculiarità specifiche, permettendo di avere un prodotto funzionale e a portata Leggi tutto

N26 Smart: il nuovo modo di pagare e mettere soldi da parte

Recensione aggiornata a Giugno, 2021 N26 è sicuramente una delle realtà fintech più interessanti degli ultimi anni, con numerose soluzioni flessibili Leggi tutto

N26 o PostePay: quale scegliere? Confronto definitivo

Confronto aggiornato a Giugno, 2021 Carta del conto N26 o PostePay? Si tratta senza dubbio tra le opzioni migliori in circolazione, Leggi tutto

Lascia un commento

© carteprepagate.me - - Disclaimer - Termini e Condizioni  Privacy Policy Cookie Policy  info[@]carteprepagate.me
Questo sito non è legato in alcun modo alle società di prodotti e servizi menzionati. Per questo motivo, per qualsiasi domanda, dubbi, problemi e informazioni vi invitiamo a rivolgervi alle rispettive società di riferimento.