Dove mettere i soldi risparmiati: tutte le soluzioni disponibili

Chiunque prima di depositare i propri risparmi, deve valutare con attenzione dove mettere i propri soldi. E’ fondamentale confrontare modalità, costi, comodità, convenienza, soprattutto ai giorni d’oggi in cui è importantissimo e fondamentale minimizzare i costi. Anni fa l’unico modo ed il più gettonato era il conto corrente, ma ora che i suoi frutti sono pressoché pari a zero, è meglio fermarsi prima e fare un paio di calcoli in base alla propria situazione.

C’è quindi una risposta definitiva alla domanda dove devo depositare i miei soldi? No, non c’è risposta definitiva. La risposta è sempre dipende dalla tua situazione.

È strettamente necessario, infatti, valutare la provenienza del denaro. È frutto di lavoro in nero? Allora il posto peggiore per essere depositati sarà sicuramente il conto corrente. In caso di versamenti, infatti, scatterà una verifica e se questi non saranno presenti nella dichiarazione dei redditi, lo stato può dedurre che siano frutti di lavoro in nero, quindi tassarli e sanzionarli. Quali sono quindi le alternative? Vediamole subito in questo articolo, valutando bene dove conviene depositare i tuoi soldi.

  • Cassette di sicurezza: sono l’equivalente bancario del vostro materasso di casa con il vantaggio che siano al sicuro da furti e rapine, o quantomeno assicurati in questi casi. Non dovranno essere dichiarati né alla banca, né allo stato, quindi è ottimo anche se dovessero derivare da lavori in nero. A differenza dei conti correnti, però, non danno vita a interessi e non rendono nulla.
  • Assicurazioni e polizze vita: una scelta che negli ultimi anni è stata presa in considerazione da molte più persone rispetto agli anni passati, proprio perché a volte sono molto convenienti in termini di interessi. Attenzione però: possono essere controllate e se il premio che pagate sarà troppo alto per il vostro reddito dichiarato, potranno scattare delle verifiche. È sempre meglio scegliere un premio consono al proprio reddito dichiarato per non essere oggetto di verifiche ed eventuali sanzioni.
  • Casa: la scelta più ovvia che viene in mente, soprattutto se parliamo di soldi derivanti da lavoro in nero, è sicuramente un ottimo nascondiglio in casa, che può essere una cassaforte nascosta dietro ad un quadro, un libro vuoto, una mattonella, i posti possibili sono milioni! Il rischio è quello di un’eventuale scoperta da parte dei ladri e non riuscire a dormire sonni tranquilli. Nessuna preoccupazione, invece, per le autorità che non possono perquisire nessuna abitazione se non con particolare mandato. Altro rischio non da sottovalutare, è quello della svalutazione del denaro: è molto facile che 1000€ di oggi diventino 800€ in una decina di anni.
  • Pensione integrativa: Scelta non presa molto in considerazione, ma in realtà molto conveniente. Significa mettersi da parte dei soldi per l’età adulta volontariamente mensilmente o periodicamente, ma che possono in realtà ritirare anche anticipatamente. Fruttano interessi e abbattono l’imponibile Irpef (deduzione possibile fino a 5000€ circa), abbassando così le tasse da pagare.
  • Conti correnti: come già anticipato, non sono da prendere in considerazione se i contanti che avete da versare sono frutto di lavoro in nero, in quanto sarebbero subito sottoposti a dubbi e verifiche. Inoltre, rendono ormai pochissimo e hanno spesso costi di mantenimento elevati. Meglio rivolgersi allora a banche online e/o a libretti postali, molto più economici delle classiche banche.
  • Buoni fruttiferi del tesoro: sono un vero e proprio investimento. I loro rendimenti dipendono dalle aste e dallo spread. Certo è che non si andrà a perdere il potere d’acquisto del proprio denaro, cosa che avviene invece nei conti correnti ed i libretti postali.
  • Carte prepagate con iban: nate quasi esclusivamente per i pagamenti online, oggi sostituiscono completamente i classici conti correnti, perché grazie alla presenza di iban è possibile ricevere ed inviare pagamenti in modo semplice, veloce ed economico.
Potrebbe anche interessarti:
Credit Boost Hype: che cos’è, come funziona, quanto costa

Credit boost Hype è una delle molte funzioni e servizi a cui possono accedere i clienti che hanno scelto la carta prepagata Leggi tutto

Come disattivare Hype

Hype è un conto digitale creato da Banca Sella durante il 2015 che include una carta prepagata e conta oltre un milione Leggi tutto

Come disattivare la carta Viabuy

Hai attivato una carta Viabuy ma ora non ti serve più e vuoi disattivarla? Non è un'operazione difficile ma deve Leggi tutto

Come ricaricare Viabuy

Se stai pensando di attivare una carta prepagata Viabuy, probabilmente ti starai chiedendo come fare per ricaricarla. Ecco, allora, una Leggi tutto

Fare bonifico con N26: come si effettua, tipologie, costi, tempistiche e limiti

Il conto N26 è uno degli strumenti più utilizzati ed apprezzati dagli utenti per avere facilmente la propria banca letteralmente Leggi tutto

Lascia un commento

© carteprepagate.me - - Disclaimer - Termini e Condizioni  Privacy Policy Cookie Policy  info[@]carteprepagate.me
Questo sito non è legato in alcun modo alle società di prodotti e servizi menzionati. Per questo motivo, per qualsiasi domanda, dubbi, problemi e informazioni vi invitiamo a rivolgervi alle rispettive società di riferimento.